ULTIMO
Peter Pan
PATTY PRAVO
Red
COLLE DER FOMENTO
Adversus
DEERHUNTER
Why hasn't everything already
COMA_COSE
Inverno Ticinese
THOM YORKE
Suspiria (Music For The Luca Guadagnino Film)
MILLENCOLIN
SOS
GHALI
Album
MURUBUTU
Tenebra è la notte e altri racconti di buio e crepuscoli
ARCTIC MONKEYS
Tranquility Base Hotel & Casino
 
 
 
 
  VINCENZO RAMAGLIA
 
 
Atomic City
N. catalogo: DC008
Data: 15-02-2019    
Genere: Rock (Rock)
Etichetta: Ma.Ra.Cash Records
1 CD

€ 17,90
   
 
   
  Recensione
   
  "Atomic City" è il quarto album di Vincenzo Ramaglia, approdo di un lungo percorso di ricerca che comincia più di dieci anni prima ed è contrassegnato dai tre progetti discografici che precedono questa inaspettata svolta elettronica.

Nel 2007, la critica definisce il suo primo CD, "Formaldeide" (partitura per flauto, clarinetto, sax e pianoforte), come "luogo di incontro impossibile tra Coleman Hawkins e Salvatore Sciarrino" (Michele Coralli, Blow Up), nonché come un interessante tentativo - "colto e al tempo stesso accessibile, [...] antitetico a certo pop pianistico intimista e ruffiano con pretese contemporanee" (Vittore Baroni, Rumore) - di raggiungere un’ideale "‘medietas’, giusto compromesso tra piacevolezza e ricerca" (Daniele Follero, Sentireascoltare).
In merito al secondo CD, "Chimera" (2008, partitura per contrabbasso e loop station con improvvisazioni di sax e batteria), la critica parla di "coraggio e caparbietà", e di un "mirabile punto d’incontro allo zenith del cielo stellato del jazz intelligente e improvvisato e della musica nuova contemporanea" (Max Marchini, Rockerilla), di "estetica del contrasto" (Michele Coralli, Blow Up), di una "mutevole dissonanza tra figure libere e reiterative" (Vittore Baroni, Rumore), di una "unione tra elementi musicali di natura diversissima: il composto/interpretato e l’improvvisato, il predeterminato e l’imprevisto" (Zeno Gabaglio, Azione), di un "antidoto" in grado di fuggire "ogni banalità, ogni possibile strada facile, con singolare purezza d’intenti" e di "un disco ‘not for the faint of the heart’, ma che può essere letto con l’innocenza di un bambino, o la competenza di un saggio. Spesso la stessa cosa" (Max Marchini, Ondarock).
"PVC smoking" (2011), il suo terzo CD, è una "partitura IDM" con improvvisazioni, che combina elettronica, strumenti acustici (violoncello, clarinetto basso e sax), basso elettrico fretless. Secondo la critica, "muovendosi con coraggio da sempre lungo i perigliosi confini tra musica improvvisata e colta contemporanea, anni luce da diatonismi irritanti e new age vuote, il giovane compositore romano distilla un nuovo capolavoro" (Max Marchini, Rockerilla), attraverso "una schizofrenia che può probabilmente diventare anche nuova sinergia dell’ascolto" (Michele Coralli, Blow Up).
Dopo sette anni di riflessione, silenzio, costruzione e approfondimento di un setup elettronico senza computer, "Atomic City" è una sorpresa, un album finalmente nudo, privo di qualsiasi partitura, ma con un labirinto intricato di sequenze analogiche, composte sulle macchine come su un pentagramma, quasi in un ponderato contrappunto orchestrale, e manipolate in tempo reale dall’autore, a cui Renato Ciunfrini - già sax di "Chimera" e "PVC smoking" - stavolta reagisce con improvvisazioni clarinettistiche. In un certo senso, "Atomic City" è la terra promessa di tutte le peregrinazioni e le pause che lo precedono. La sintesi - inaspettatamente coerente ed esplosiva nel suo linguaggio inaudito - di un vasto campionario di urgenze apparentemente contraddittorie. E si tratta, per l’appunto, di PEM. Popular Experimental Music.
   
 
 
   
MOTORPSYCHO
The Crucible
VINCENZO RAMAGLIA
Atomic City
GALAHAD
Empires Never Last DELUXE EDITION
MOTORPSYCHO
The Crucible
JOHN GREAVES
Life Size
QUEEN
Queen In Nuce
RICKY FERRANTI
Space Trip
MIKI PORRU
Hotel Disamore
OF NEW TROLLS
Porte Aperte
K & J TIPPET, CAPRA VACCINA, TOFANI
A Mid Autumn Night’s Dream
   
 
 
 
 
   
   
THE JACKIE-O’S FARM
Last Night Shower
EPO
Enea
 
       
Self Distribuzione accetta i seguenti pagamenti:
Visa Visa Electron CartaSi MasterCard PostePay
  SIAE
Aut. SIAE n. 858/I/07-977
       
Self Distribuzione S.r.l. unipersonale - Sede legale: Via Gianfranco Malipiero, 14 - 20138 Milano (MI) - P.iva 11628670157 - Cap. Soc. € 516.000,00 int. versato
Codice Fiscale e registro imprese di Milano: 11628670157 - R.E.A. C/O C.C.I.A.A. Di Milano 1481963 - Tel. 02-509011

Le vendite e le spedizioni sono operate dalla:
Futurecords S.r.l. - Sede legale: Via Gianfranco Malipiero, 14 - 20138 Milano (MI) - P.iva 02732070160 - Cap. Soc. € 10.400,00 int. versato
Codice Fiscale e registro imprese di Milano : 01610560185 - R.E.A. C/O C.C.I.A.A. Di Milano 171502 - Tel. 02-50901234