ULTIMO
Colpa delle favole
MASSIMO PERICOLO
Scialla Semper
NOA
Letters to Bach
PATTY PRAVO
Red
ENRICO RUGGERI
Alma
THOM YORKE
Anima
ULTIMO
Peter Pan
GHALI
Album
COLLE DER FOMENTO
Adversus
ARCTIC MONKEYS
Tranquility Base Hotel & Casino
 
 
 
 
  GAZZARA PLAYS GENESIS
 
 
Here It Comes Again
N. catalogo: IRM 1854
Data: 24-01-2020
Genere: Rock (Rock)
Etichetta: Irma Records
1 CD

€ 10,90
   
 
   
  Tracklist
  1 The Musical Box  
  2 Supper’s Ready  
  3 I Know What I Like  
  4 The Carper Crawlers  
  5 Dance on a Volcano/The Lamb Lies Down On Broadway (Intro)  
  6 Eleventh Earl Of Mar  
  7 Afterglow  
  8 Undertow  
  9 Heathaze  
  10 Guide Vocal  
 
  Recensione
   
  “Mi piace ascoltare il tributo di Gazzara Plays Genesis. E’ suonato bene e contiene degli arrangiamenti davvero interessanti”
(Steve Hackett)
“Questo è un progetto che merita di essere ascoltato” (Anthony Phillips)
“Un album che ha il moto di una marea sinfonica, reminiscente dei primi Genesis e dei Renaissance” (Dave Kennedy, Classic Rock Society)
Il 9 gennaio del 1970 i Genesis entravano per la prima volta nei BBC Studios di Londra per registrare la prima di tre session – l’ultima risale
al maggio del 1971 – nei gloriosi studi radiotelevisivi inglesi. Quattro tracce scritte per un documentario sul pittore Mick Jackson, un materiale che negli anni a seguire venne ampiamente riutilizzato dalla band nei suoi album storici, da Nursery Cryme a The Lamb Lies Down On Broadway. L’era era quella di Trespass e la stagione che fioriva era quella del progressive rock inglese.
Esattamente 50 anni dopo, esce Here It Comes Again, secondo album acustico-orchestrale (CD digipack e digitale, label IRMA Records) del progetto Gazzara Plays Genesis che torna a rivisitare lo storico gruppo britannico con nuove rivisitazioni arrangiate e dirette dal pianista
e compositore Francesco Gazzara (Gazzara, The Piano Room, Hammond Express).
Dopo il successo del primo episodio – il doppio Play Me My Song pubblicato nel 2014 – Gazzara Plays Genesis dedica sempre la sua attenzione al repertorio 1971-1980 della band inglese ma con un paio di variazioni importanti ripetto al tribute album precedente. La prima
riguarda la tracklist che contiene sia delle perle assolute – in alcuni casi anche rarità mai eseguite dal vivo dai Genesis, come “Heathaze” (da Duke) e “Undertow” (da …And Then There Were Three) – che una trascrizione pianistica integrale della suite “Supper’s Ready” (oltre
23 minuti, da Foxtrot). La seconda novità è negli arrangiamenti del nuovo disco, più ricco di sonorità prog dell’epoca – hammond, mellotron, rhodes, arp synth, oltre a chitarre elettriche e acustiche, basso elettrico e bass pedals – che contornano la presenza costante del pianoforte
(un Bechstein a coda restaurato risalente al 1878) e degli strumenti orchestrali, questa volta presenti come solisti ognuno in un brano diverso.
Here It Comes Again (che cita nel titolo una frase del testo di “The Musical Box” dei Genesis, laddove Play Me My Song si riferiva alla prima parte della stessa frase) è un album ricco di dettagli: ancora una volta non soltanto “i Genesis al pianoforte” ma qualcosa di più profondo
ovvero la colonna sonora di film immaginario dedicato al repertorio “prog” della storica band, periodi pre e post Gabriel compresi, almeno fino al 1980.
Scorre così la tracklist in ordine cronologico, partendo da “The Musical Box” - affidata alla chitarra elettrica di David Giacomini, al flauto di Dario Cecchini e al clarinetto di Valerio Sanna - e arrivando subito a “Supper’s Ready” a sua volta divisa in sette sezioni, esattamente come
l’originale, con un caleidoscopio di strumenti “vintage” tra cui figurano anche una melodica e le campane tubulari. Altra novità assoluta nel progetto Gazzara Plays Genesis è la presenza della sezione ritmica in un brano, assolutamente protagonista in “I Know What I Like (In Your
Wardrobe)” – il primo tentativo di hit dei Genesis datato 1973 – con il cajon di Mauro Mirti e il basso elettrico di Massimo Sanna. La chitarra di David Giacomini torna invece in primo piano su “The Carpet Crawlers” con una sonorità coinvolgente che richiama sia Steve Hackett che
Robert Fripp. Il passaggio all’era di Phil Collins arriva con “Dance On A Volcano” in cui è protagonista la viola di Giulia Nuti che, oltre alle parti soliste e vocali, esegue anche un assolo in coda al brano che a sua volta accenna a “Baba O’Riley” dei The Who. Neanche il tempo
di abituarsi all’avvento di A Trick Of The Tail che torna per un attimo The Lamb Lies Down On Broadway con un rapido accenno alla celebre introduzione pianistica di Tony Banks che sfocia alla fine nelle citazione delle prime note di “Ripples”: un tributo anche all’arte magica del
“medley” dei Genesis. Archi in primo piano nelle successive tre canzoni, il violino di Fabrizio Paoletti su “Eleventh Earl Of Mar” e il violoncello di Giorgia Pancaldi su “Afterglow” – entrambe da Wind&Wuthering – oltre al contrabbasso di Stefano Corato in “Undertow”, ennesimo brano
firmato da Tony Banks su ..And Then There Were Three… In chiusura torna il primo ospite solista del disco, Dario Cecchini, questa volta con il sax soprano sulle note di “Heathaze”, gemma assoluta di Duke che è anche l’album da cui è tratta la conclusione solo pianistica di
Here It Comes Again: “Guide Vocal”.
Infine il progetto grafico: come Play Me My Song anche Here It Comes Again presenta un acquerello dell’artista Ugo Micheli, ispirato ad alcuni particolari delle copertine originali degli album dei Genesis che contengono i brani rivisitati. Un tributo quindi anche agli artisti Paul Whitehead, Colin Elgie e Lionel Koechlin.
Francesco Gazzara è già attivo dal vivo con un piano recital che comprende entrambi gli album pubblicati come Gazzara Plays Genesis – oltre a qualche inedito - nel consueto
   
 
 
   
ENRICO RUGGERI
Una Storia da Cantare
MANGALA VALLIS
Voices
MANGALA VALLIS
Voices
I LUF
Phini - Tornando Al Monte
OSANNA
Piazza Forcella
HASSE FRÖBERG & MUSICAL COMPANION
Parallel Life
BISCA
Stato di Grazia
MOON REVERIE
Moon Reverie
DANIELE IVALDI SPECIAL GUEST SHEL SHAPIRO
hear Me From Heaven
GAZZARA PLAYS GENESIS
Here It Comes Again
   
 
 
 
 
   
   
 
       
Self Distribuzione accetta i seguenti pagamenti:
Visa Visa Electron CartaSi MasterCard PostePay
  SIAE
Aut. SIAE n. 858/I/07-977
       
Self Distribuzione S.r.l. unipersonale - Sede legale: Via Gianfranco Malipiero, 14 - 20138 Milano (MI) - P.iva 11628670157 - Cap. Soc. € 516.000,00 int. versato
Codice Fiscale e registro imprese di Milano: 11628670157 - R.E.A. C/O C.C.I.A.A. Di Milano 1481963 - Tel. 02-509011

Le vendite e le spedizioni sono operate dalla:
Futurecords S.r.l. - Sede legale: Via Gianfranco Malipiero, 14 - 20138 Milano (MI) - P.iva 02732070160 - Cap. Soc. € 10.400,00 int. versato
Codice Fiscale e registro imprese di Milano : 01610560185 - R.E.A. C/O C.C.I.A.A. Di Milano 171502 - Tel. 02-50901234